I NOSTRI ALUNNI IN CONCORSO: INVENTA UNA BANCONOTA-PRIMI CLASSIFICATI

Print Friendly, PDF & Email

Gli alunni della classe 3°B della scuola secondaria  dell’Istituto Comprensivo Galileo Ferraris,  hanno  partecipato al concorso  promosso  dalla Banca d’Italia e dal Ministero dell’Istruzione per l’anno scolastico 2018/2019  denominato   “Inventiamo una banconota .  Il  concorso su scala nazionale  riservato alle scuole Primarie , Secondarie di primo grado  e di Secondo Grado, consisteva nella realizzazione di un bozzetto raffigurante una banconota immaginaria sul  tema  “ Il denaro e le emozioni”.

Gli alunni,  hanno realizzato il bozzetto, collaborando,  unendo  le proprie idee personali e credendo fino in fondo nel progetto,  si sono classificati  primi nella categoria riservata alle scuole secondarie di primo grado .

Lo scorso Mercoledì 10 Aprile, nella sede della Banca d’Italia di Ancona si è svolta la premiazione del concorso, tre alunni   in rappresentanza dell’Istituto G. Ferraris  accompagnati dalle insegnanti Trabalza e Barbanera, hanno ritirato il premio consistente in una targa ricordo e un assegno di mille euro.

Lo sfondo policromo degli elementi architettonici rimanda alla perfezione geometrica delle linee alla città futurista, mentre in basso compaiono tre figure umane immerse in un’esplosione di luce e rivolte all’orizzonte,  dando origine ad uno spazio grafico silenzioso, poetico, concreto. Concentrate nei movimenti, si orientano verso la luce autentica delle emozioni.

Da inanimato manichino di gesso – come appeso a fili mossi dalle invisibili mani delle false dinamiche di un potere economico solo strumentale e costretto al grigiore di una condizione di solitudine instabile e priva di certezze, l’uomo recupera la propria dignità e libertà animato dalla luce “geometrica” della ragione e della emozione, in una nuova consapevolezza del valore della ricchezza autentica, proiettato verso quell’orizzonte in cui il movimento libero della danza condensa e traduce la fiducia e l’euforia della condivisione che risolve e trasforma in armonia ritmica il dondolìo dell’incertezza.